Disturbo di attenzione/iperattività (ADHD)

ADHD

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD – Attention Deficit Hyperactivity Disorder) è una condizione sintomatologica che rientra nella categoria disturbi del neurosviluppo. Si caratterizza per un livello costante di disattenzione e/o iperattività-impulsività che interferisce con il funzionamento e/o lo sviluppo individuale. La comparsa dei sintomi avviene generalmente nella primissima infanzia; la tipologia e la gravità tendono a modificarsi molto nel corso della vita dell’individuo.

3 sono i sintomi principali, definiti anche nucleari:

Disattenzione che può essere osservata quando la persona si discosta dal compito, manca di attenzione, ha difficoltà a mantenere la concentrazione, ed è disorganizzata nei compiti quotidiani. Da precisare che la persistenza di questi problemi non è dovuta alla disobbedienza o alla mancanza di comprensione del compito da svolgere.

Iperattività significa che una persona, bambino e/o adulto, tende a muoversi costantemente, anche in situazioni in cui non sarebbe appropriato farlo, si agita, picchietta con le mani o muove le gambe eccessivamente, parla di continuo. Già dall’adolescenza e poi nell’età adulta, può caratterizzarsi da irrequietezza costante, un senso di agitazione intera, che può arrivare a sfinire gli altri per il costante livello di attivazione emotiva espressa.

Impulsività ovvero il compiere azioni avventate che si verificano improvvisamente senza passare per un momento di riflessione. Questa caratteristica può arrivare ad essere molto dannosa per l’individuo, sia per il desiderio di avere ricompense immediate sia per l’incapacità di ritardare la gratificazione. Una persona impulsiva può essere socialmente invadente e interrompere eccessivamente gli altri o prendere decisioni importanti senza considerarne le conseguenze a lungo termine.

Segni e sintomi

Disattenzione e iperattività/impulsività sono i comportamenti chiave dell’ADHD. Alcune persone hanno problemi solo con uno dei due comportamenti, mentre altre hanno sia disattenzione che iperattività-impulsività. La maggior parte dei bambini ha il tipo combinato di ADHD.

In età prescolare, il sintomo più comune dell’ADHD è l’iperattività. Già da piccolissimi, questi bambini hanno difficoltà nello stare fermi, si mettono spesso nei guai e riportano, frequentemente, difficoltà o alterazioni del sonno, con difficoltà nell’addormentamento e frequenti risvegli notturni.

ATTENZIONE È normale avere un po’ di disattenzione, attività motoria non focalizzata e impulsività, ma per i bambini con ADHD, tali comportamenti:

  • sono più gravi
  • si verificano più spesso
  • interferiscono e riducono la qualità del loro funzionamento sociale e a scuola / lavoro

Disattenzione

Le persone con sintomi di disattenzione possono spesso:

  • Trascurare o perdere dettagli, commettere errori noncuranti nei compiti scolastici
  • Avere problemi a mantenere l’attenzione durante i compiti, il gioco, le conversazioni o le lunghe letture
  • Non sembrano ascoltare quando gli si parla direttamente
  • Non seguire le istruzioni e non riuscire a finire i compiti scolastici, le faccende domestiche ma perdere rapidamente l’attenzione e venire facilmente distratti
  • Avere problemi nell’organizzare compiti e attività, come ad esempio cosa fare in sequenza, tenere in ordine materiali ed effetti personali, eseguire un lavoro in modo disordinato e una scarsa gestione del tempo, non riuscire a rispettare le scadenze
  • Evitare o non amare i compiti che richiedono uno sforzo mentale prolungato, come i compiti a scuola o a casa o, per gli adolescenti, la preparazione di relazioni o la revisione di compiti lunghi
  • Perdere le cose necessarie per i compiti o le attività, come materiale scolastico, matite, libri, portafogli, chiavi, documenti, occhiali
  • Essere facilmente distratti da pensieri o stimoli non correlati
  • Essere smemorati nelle attività quotidiane, come le faccende di casa, le commissioni, rispondere alle chiamate e rispettare gli appuntamenti

Iperattività-Impulsività

Le persone con sintomi di iperattività-impulsività possono spesso:

  • giocherellare e contorcersi sulla sedia
  • Lasciare i loro posti in situazioni in cui ci si aspetta che stiano seduti, come in classe o in ufficio
  • Correre o arrampicarsi in situazioni in cui non è appropriato o, negli adolescenti, sentirsi spesso irrequieti
  • Non essere in grado di giocare o impegnarsi in hobby in modo tranquillo
  • Essere costantemente in movimento o agire come se fosse ” un motorino acceso”
  • Parlare senza sosta
  • Sparare una risposta prima che una domanda sia stata completata, finire le frasi di altre persone o parlare senza aspettare il proprio turno in una conversazione
  • Avere problemi ad aspettare il proprio turno nei giochi o nelle attività

Affinché una persona riceva una diagnosi di ADHD, i sintomi di disattenzione e/o iperattività-impulsività devono essere cronici o duraturi, compromettere il funzionamento della persona e causare un ritardo nello sviluppo tipico della sua età. La maggior parte dei bambini con ADHD riceve una diagnosi durante gli anni della scuola elementare. Perché un adolescente o un adulto riceva una diagnosi di ADHD, i sintomi devono essere presenti prima dei 12 anni.

I sintomi dell’ADHD possono comparire già tra i 3 e i 6 anni e possono continuare durante l’adolescenza e l’età adulta, spesso possono essere scambiati per problemi emotivi o disciplinari.

L’ADHD è più comune nei maschi che nelle femmine, e le femmine con ADHD hanno più probabilità di avere problemi principalmente di disattenzione. Altre condizioni, come difficoltà di apprendimento, disturbo d’ansia, disturbo della condotta, depressione e abuso di sostanze, sono comuni nelle persone con ADHD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chiamaci!