Conosciamoci

Quando incontri per lungo tempo un gruppo di colleghi per fare supervisione e progettare attività ed interventi comuni, tra le persone si comincia a creare affiatamento, con l’affiatamento aumenta il piacere di lavorare insieme. Questa iniziale collaborazione, legata a progetti specifici, che ci vedeva però operare come singoli professionisti ognuno all’interno del proprio studio, ha fatto nascere in noi la necessità ed il desiderio di costruire uno spazio comune nel quale poter cooperare attivamente nel lavoro quotidiano.

Così abbiamo dato vita al Centro Multiverso Evolutivo (CentroM.E.), uno spazio condiviso in cui poter incrementare il lavoro di equipe e migliorare le possibilità di intervento professionale. Un luogo dedicato principalmente al bambino, all’adolescente ed alla famiglia, nel quale trova spazio l’intervento con gli adulti e le coppie.

Perché “Multiverso Evolutivo”

Nella definizione di se stessi il nome diventa importante, è ciò che partecipa a costruire la tua storia e che mantiene una continuità tra passato, presente e futuro. Per questo motivo abbiamo voluto mantenere il nome del gruppo che ci ha accolto in questi anni e che continua ad accoglierci. Il termine “Multiverso[1]” mantiene il legame con lo “Studio Multiverso” di Roma, di Cagliari e di Sassari, “Evolutivo” che caratterizza il nostro gruppo in termini di area di interesse primario, l’Età Evolutiva.


[1] Il concetto di “Multiverso” fa riferimento agli studi Humberto Maturana e Francisco Valera. Nel costruttivismo la realtà non può essere oggettiva, perché legata all’esperienza del soggetto che la osserva. La realtà è quindi un percorso cognitivo (universo) ritagliato all'interno di altri percorsi cognitivi possibili (multiversi), che spiega la prassi dell'osservatore e pone dunque tra parentesi la pretesa di un'oggettività da descrivere indipendentemente da chi la osserva.